Nuovi criteri di convocazione nello sci: solo 10 sicuri ai Giochi

Fermiamoci un attimo a fare il punto sulla squadra italiana di sci alpino in preparazione per le prossime Olimpiadi invernali di Pyeongchang 2018. La federazione ha infatti deciso di cambiare le carte in tavola, passando da criteri più o meni fissi a scelte più discrezionali. Una decisione che intende tenere più conto dello stato di forma, ma che si presta anche a molte polemiche come avvenuto in altri sport, atletica in primis.

In ogni caso se prima un podio o almeno un piazzamento nei primi 8 in Coppa del Mondo poteva significa convocazione automatica, ora si cerca fino alla fine il picco di forma che possa promettere una medaglia, e questo ha causato un taglio dei “sicuri” che allo stato delle cose sono di fatto dieci. La squadra però alla fine dovrebbe essere formata da 20-22 atleti.

I sicuri per il momento sono Manuela Moelgg, Sofia Goggia e Federica Brignone tra le donne; Dominik Paris, Peter Fill, Christof Innerhofer, Stefano Gross, Manfred Moelgg, Luca De Aliprandini. A questo dovrebbe essere quasi sicuramente aggiunto Riccardo Tonetti dopo la buona prova di Adelboden.

E gli altri? Max Carca, capo allenatore degli uomini, ha dichiarato: «Se .non arriveranno i risultati, porteremo dei giovani a fare esperienza». Probabile che alla fine entrino Marta Bassino, nonostante le ultime deludenti prestazioni, Chiara Costazza e Irene Curtoni. Difficile invece la situazione dell’oro di Vancouver 2010, Giuliano Razzoli, a meno di un miracolo in quest’ultimo scampolo di stagione.

Segui il gruppo QA-Olimpiadi su Facebook


About Luca Landoni 352 Articles
Ex-400/800ista con 30 anni di carriera agonistica alle spalle, da assoluto e da master, ora Giornalista Pubblicista iscritto all'Ordine della Lombardia. Nato a Milano il 29 febbraio 1968, ma trentino d'adozione. Contatto: blog@gamefox.it

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*