Basket: l’Italia azzera la Croazia in trasferta! Amedeo Della Valle scatenato

ZAGABRIA – incredibile seconda partita dell’Italia di Meo Sacchetti in casa di una delle Nazionali Top-10 al mondo, la Croazia, con l’ottavo rango nel ranking globale.

Il risultato finale parla di un devastante 80 a 64 per gli azzurri, che con questa vittoria sono già soli in testa al gironcino a 4, visto che l’Olanda, vincitrice a sorpresa contro la Croazia nell’esordio casalingo di due giorni fa, ha visto bene di farsi rifilare 75 punti (a 68) dalla Romania.

La partita sembrava tutto fuorchè quello che ha poi raccontato il risultato finale.

Primo quarto in mano al quintetto di Zagabria, con un inizio terribile degli italiani che si trovano sotto 16-4 a 4’42” alla prima sirena, massimo vantaggio croato. Alessandro Gentile ci mette la prima pezza da 2, e poi Filloy infila la tripla che riporta il distacco a 7 punti. Replica Katic dall’altra parte da 3, e si cambia a 23-15.

Squadre contratte al rientro sul parquet, con i soli Kruslin da 3 (26-15) e Burns a ripondergli da 2 in 4’20” di partita. L’incantesimo lo rompe Bozic da 2 per quello che l’illusorio canto del cigno che prelude al tracollo. 11 punti di vantaggio per la Croazia, e poi inizia la sinfonia azzurra. Prima Gentile, poi Burns e Filloy da 3 riportano lo score a 28-24 con un parziale di 7-0. Rispondono due liberi di Planinic, quindi il bombone di Amedeo Della Valle, che a quel punto decide che la partita la vuole vincere lui. 30-27. Si va avanti coi liberi, e l’Italia arriva a ridosso sempre con Dalla Valle, per operare il primo sorpasso della partita con Biligha a 1’08” dalla fine del primo tempo.

La Croazia sembra non trovare più la via del canestro, e Abass li castiga con un’altra bomba da 3: 31-35 per l’Italia che chiude il secondo quarto tenendo i croati sotto i 10 punti: 22-9.

Si rientra in campo e Bilgha infila subito da 2, giusto per insegnare ai croati che la storia è cambiata. Katic litiga con i ferri e prima Polonara e poi ancora Della Valle prima da 3 e poi da 2 portano a +12 (44-32) il distacco dell’Italia. Parziale di 20 a 4. La Croazia lascia il campo. Il velleitario tentativo di recuperare dei croati, viene poi tramortito ancora una volta da Della Valle in compartecipazione con Vitali, entrambi da 3 in 20″: 37-50. Della Valle show, con Aradori, sempre da 3: a 2’58” dalla fine del terzo lo score recita 56-40! Rintuzza Kruslin, stavolta da 3. Si va al riposto con l’Italia avanti 60-47.

Reazione iniziale nell’ultimo quarto dei croati con Barac e Kruslin, cui segue la solita doccia fredda da 3 italiani, stavolta di Abass. Ed è ancora Abass a dilatare il vantaggio con un altro tiro da 3: 60 a 53 a 6’51” dalla fine. Planinic è il più pericoloso dei croati, ma è sempre Della Valle a tenere lontani i croati. A 2’52” dalla fine è game-set-match con lo schiaccione di Abass e il massimo vantaggio italiano: 80-60. Finisce poi 80-64, per la seconda grande vittoria italiana nel suo “rilancio” verso il mondiale del 2019.

MVP chiaramente Amedeo Della Valle, con 25 punti e un incredibile 5 su 8 da 3 (62,5%) e un 57% dal campo. Mano calda tenuta in campo da Sacchetti per 29′ e un plus/minus di 28 e un’efficienza di 25.

 

Segui il gruppo QA-Olimpiadi su Facebook


About Andrea Benatti 62 Articles
Andrea Benatti, classe '72, blogger di atletica dal 2007 di origine emiliana e milanese, con migliaia di articoli alle spalle su diversi siti e riviste specializzate Contatto: queenatletica@gmail.com

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*